Forza lavoro multigenerazionale: un vantaggio competitivo per le aziende

Team Comunicazione
28-01-2021

L'aspettativa di vita ha subito un'accelerazione senza precedenti nel corso dell'ultimo secolo. Oggi viviamo più a lungo che in qualsiasi altra fase storica, e la popolazione sopra i 65 anni che cresce più velocemente di altre fasce d'età. Gli effetti di questo cambiamento demografico si stanno già facendo sentire in tutti gli aspetti dell'economia e della società, ma un settore in cui dobbiamo ancora esplorare a fondo le implicazioni della longevità è quello del futuro del lavoro.

 

Cinque generazioni lavorano fianco a fianco sul posto di lavoro

Per la prima volta in assoluto, cinque generazioni lavorano fianco a fianco sul posto di lavoro, creando una vera e propria forza lavoro multigenerazionale. L'età e le condizioni di salute stanno migliorando in età avanzata, mentre molti lavoratori rinviano il pensionamento e lavorano più a lungo, ma questa forza lavoro è una fonte di crescita potenziale per le aziende.

Gli over50 guidano già una parte significativa dell'attività economica mondiale - solo negli Stati Uniti, gli americani dai 50 anni in su hanno generato quasi 8 trilioni di dollari di attività economica nel 2015, con l'obiettivo di aumentare a 13,5 trilioni di dollari entro il 2032. Ma nuove ricerche stanno anche dimostrando che l'impiego di forza lavoro multi-generazionale può creare un significativo vantaggio competitivo, generando una più forte pipeline di talenti, migliorando la continuità e la stabilità della forza lavoro e favorendo la trasmissione della conoscenza.

Questi sono alcuni dei risultati chiave di un rapporto pubblicato dall'OCSE intitolato "Promoting an Age-Inclusive Workforce: Vivere, imparare e guadagnare più a lungo"*. Questo rapporto è il culmine di due anni di ricerche, interviste e casi di studio condotti con la collaborazione tra il World Economic Forum, per capire come i datori di lavoro possono gestire una vita lavorativa dei dipendenti sempre più lunga.

 

 

I vantaggi derivanti da una forza lavoro multigenerazionale

Ad esempio, i lavoratori più anziani possono aumentare la produttività non solo attraverso la loro esperienza, ma anche migliorando le performance del team attraverso la condivisione delle conoscenze tra dipendenti junior e senior, in uno scambio di apprendimento intergenerazionale. Inoltre, i lavoratori anziani hanno molte meno probabilità di trasferirsi in altre aziende, garantendo stabilità e continuità.

Tuttavia la maggior parte dei datori di lavoro non è ancora significativamente concentrata sulla costruzione di un bacino di talenti diversificato in base all'età. Come investire in una forza lavoro multigenerazionale?

La ricerca OCSE sottolinea tre linee d'azione alla base di una strategia per la forza lavoro che tenga conto delle diverse età:

 

  • Attirare i talenti di tutte le età

Le aziende dovrebbero fare uno sforzo maggiore per eliminare l'age-bias al momento del reclutamento. L'OCSE raccomanda di utilizzare immagini e linguaggi neutri in termini di età nelle descrizioni delle mansioni, nonché programmi software per ordinare le candidature, aiutare a trattenere i lavoratori offrendo programmi di pensionamento graduale che consentono ai dipendenti di lasciare la forza lavoro su una linea temporale più flessibile. Gli studi dimostrano che il 57% dei lavoratori a livello globale vuole lavorare oltre l'età pensionabile tradizionale, ma meno di uno su tre ha la possibilità di passare dal lavoro a tempo pieno a quello a tempo parziale.

  • Creare un ambiente di lavoro inclusivo

Creare un ambiente di lavoro adatto a tutte le fasi della vita dei dipendenti. Uno dei migliori strumenti per la soddisfazione del datore di lavoro è quello che la maggior parte di noi ha sperimentato durante la pandemia: il lavoro flessibile. Offrire un orario di lavoro adattabile che possa essere utilizzato dai lavoratori, indipendentemente dalla loro fase di vita, è fondamentale per mantenere i dipendenti soddisfatti. Deve rimanere un'opzione disponibile dopo la pandemia. Investire in programmi di benessere che si concentrino non solo sulla salute fisica, ma anche sul benessere mentale e finanziario. I dipendenti si aspettano che le loro aziende li sostengano in diversi modi per tutta la vita, compresa l'assistenza per questioni come la pianificazione del pensionamento.

  • Sostenere l'upskilling e il reskilling durante tutta la carriera di un dipendente

Molti lavoratori sono desiderosi di apprendere nuove competenze e continuano a crescere nel loro lavoro. Upskilling e reskilling sono una tendenza che molte aziende stanno abbracciando. Tuttavia, non dovrebbe essere limitata ai dipendenti più giovani - chiunque dovrebbe avere la possibilità di migliorare continuamente le proprie competenze e beneficiare di nuovi strumenti.

 

Infine, una conclusione fondamentale dello studio è la necessità di sfidare lo stereotipo comune secondo cui una forza lavoro multigenerazionale può essere poco motivata e poco competitiva. Uno degli insegnamenti fondamentali che possiamo trarre da questo studio è che generazioni diverse che lavorano insieme creano più innovazione e migliorano le prestazioni del team. Ciò è coerente con il Rapporto sul futuro dell'occupazione 2020 del World Economic Forum, in cui il Forum ha delineato le 15 competenze di cui i datori di lavoro avranno più bisogno entro il 2025 per prosperare.

 

Valore D ha indagato il tema con la ricerca Talenti senza età, realizzata nel 2019 in collaborazione con il Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla famiglia dell’Università Cattolica di Milano su donne e uomini over50 in azienda: la ricerca rivela che quasi un lavoratore su due over50 (45,7%) al lavoro è “in difficoltà” ma ha ancora potenziale da esprimere.

 

Per scoprire tutti i risultati della ricerca 

clicca qui

 

 

 

 

 

 

Associarsi
Entra in un network di oltre 200 aziende, accedi a esclusivi percorsi di formazione e scambia best practice con le altre imprese associate.
scopri di più
ENG