#NoPayGap

Stesso ruolo, stesso numero di ore lavorate, stipendi differenti. In Italia la differenza salariale tra donne e uomini nel settore privato è del 16,5%

In Italia le donne nel settore privato guadagnano in media il 16,5% in meno degli uomini. E come se al bancone un uomo pagasse un caffè 1 euro, una donna 1 euro e 16 centesimi. E questo non è normale.

La campagna promossa da Valore D #nopaygap ha ottenuto il patrocinio di Pubblicità Progresso ed è stata trasmessa su tutte le principali TV (Rai, Mediaset, Sky e Viacom), contribuendo ad aprire un dibattito sul divario salariale di genere. Una realtà che non solo “non è normale”, come recita lo spot, ma che è una perdita per l’economia e il Paese.

#Nopaygap

Un divario che non è solo economico ma anche culturale e che comincia già dall’infanzia, con la paghetta: solo il 42,1% delle ragazze la riceve regolarmente e in cambio di un aiuto domestico. 

Questo divario si consolida poi con la laurea e il primo impiego: a un anno dall’ingresso nel mercato del lavoro le ragazze guadagnano il 17,3% in meno rispetto ai ragazzi.

A parità di posizione ed anzianità, anche le donne manager in media percepiscono il 15% in meno rispetto ai colleghi maschi. E nei ruoli di maggiore responsabilità il divario si amplia: per i dirigenti la retribuzione oraria è oltre una volta e mezzo quella delle dirigenti. Le donne nei Consigli d’Amministrazione arrivano a guadagnare anche il 69,8% in meno.

Le differenze accumulate durante la vita lavorativa si riflettono anche nella pensione: le donne prendono il 28,6% in meno rispetto agli uomini.

Valore D promuove la campagna per la parità salariale #nopaygapImpegniamoci insieme per raggiungere questo obiettivo!

Di’ anche tu #nopaygap e seguici sui social.

News di Manifesto di Valore D

Verso la trasparenza delle retribuzioni nelle aziende: un passo avanti dell’UE per la parità di genere
Team Comunicazione | 16-03-2022

La direttiva comunitaria per la trasparenza salariale è un passo importante per colmare il gender pay gap nell’UE, che si attesta – nel 2019 – al 14%. Per eliminare il gender pay gap è necessario risolvere tutte le sue cause profonde: la minor partecipazione femminile al mercato del lavoro, il lavoro non retribuito, il maggior ricorso al part time e alle interruzioni di carriera, nonché la segregazione verticale e orizzontale basata su stereotipi e discriminazioni di genere. 

Nuova proposta di legge per il congedo di paternità: perché fare il papà aiuta a colmare il gender gap
Team Comunicazione | 12-01-2022

Che cosa succederebbe se sempre più padri si assumessero le responsabilità di cura? E se iniziassero a impegnarsi prendendo il congedo di paternità? Perché è ancora così poco sfruttato? E se questo tempo migliorasse la vita domestica e l’equilibrio tra lavoro e vita privata dei padri? In occasione della festa del papà esploriamo i benefici del congedo di paternità, sia per le aziende che per i dipendenti, e capiamo come incide positivamente anche sulle possibilità lavorative delle donne e sull’economia. Che la ripresa post Covid possa portare ad un cambio di paradigma per quanto concerne i congedi dei papà. È un’occasione unica per modificare gli stereotipi sui ruoli di genere, per far emergere una nuova conciliazione vita privata-lavoro e un’equilibrata genitorialità condivisa.

Ricerche di Manifesto di Valore D

World Employment and Social Outlook – Trends 2023
ILO
16-01-2023

Il Report di International Labour Organization “World Employment and Social Outlook” offre una panoramica completa del contesto del mercato del lavoro globale alla luce delle varie crisi  e dei conflitti internazionali.  Il rapporto presta particolare attenzione all’impatto delle diverse emergenze sulla produttività, sulle condizioni e sulle opportunità di lavoro.

Women4: Superare le disparità di genere per un futuro del Lavoro Sostenibile
Fondazione Gi Group
23-11-2022

Il mercato del lavoro in Italia è caratterizzato da un basso livello di occupazione femminile, tra i più bassi in Europa, con una spiccata concentrazione settoriale. Inoltre siamo il Paese con maggiore precarietà, diffusione di part-time involontario e bassi livelli di salario.

ENG