Il genere entra nell’economia

Banca d’Italia
16-02-2012
Innovazione sociale

In un progetto di ricerca che verrà presentato il prossimo mese, la Banca d'Italia ha approfondito alcuni aspetti della questione della partecipazione femminile all'economia italiana. A partire dalle evidenze, ormai note e ampiamente analizzate dall'Istat innanzi tutto, ma non solo, dei divari nella partecipazione al mercato del lavoro, specie nelle fasce di età centrali, che coincidono per lo più con il momento della maternità e della difficoltà di conciliare vita lavorativa, cura dei figli, cura degli anziani, nel progetto se ne sottolineano altre, anch'esse per molti versi note, riferite ai percorsi di carriera. Le evidenze sui divari salariali (a parità di caratteristiche del lavoratore e dell'impresa), le informazioni sulla composizione dei vertici bancari, quelle sui consigli di amministrazione delle società quotate, ma anche quelle relative all'accesso al credito, segnalano difficoltà relative anche al lato della domanda di lavoro a tutti i livelli da parte delle imprese.

 

Associarsi
Entra in un network di oltre 180 aziende, accedi a esclusivi percorsi di formazione e scambia best practice con le altre imprese associate.
scopri di più
ENG