Tre scenari sulla parità di genere dopo il Covid-19

Team Comunicazione
18-08-2020

Mentre il COVID-19 continua a influenzare le abitudini in tutto il mondo, possiamo già vedere che la pandemia e le sue ricadute economiche stanno avendo un effetto regressivo sull'uguaglianza di genere. Secondo calcoli McKinsey, i posti di lavoro delle donne sono 1,8 volte più vulnerabili a questa crisi rispetto a quelli degli uomini. Le donne rappresentano il 39% dell'occupazione globale, ma arriveranno al 54% delle perdite complessive di posti di lavoro. Una delle ragioni di questo maggiore effetto sulle donne è che il virus sta aumentando in modo significativo il peso dell'assistenza non retribuita, che viene portata in modo sproporzionato dalle donne. Questo, tra gli altri fattori, significa che l'occupazione femminile sta diminuendo più rapidamente della media, anche a causa del fatto che donne e uomini lavorano in settori diversi. McKinsey stima che il 4,5% dell'occupazione femminile sia a rischio nella pandemia a livello globale, rispetto al 3,8% dell'occupazione maschile, proprio in considerazione dei settori a cui uomini e donne partecipano maggiormente.

Agire ora per far progredire la parità di genere potrebbe essere prezioso, aggiungendo 13 trilioni di dollari al PIL globale nel 2030. Un'azione mirata, ma adottata solo dopo che la crisi si sarà placata, piuttosto che ora, ridurrebbe la potenziale opportunità di oltre 5 mila miliardi di dollari. Il costo di questo ritardo è pari a tre quarti del PIL globale totale che potremmo potenzialmente perdere a causa del COVID-19 quest'anno.

Tre scenari del 2030 evidenziano l'importanza di agire per una maggiore uguaglianza di genere

McKinsey definisce tre potenziali scenari nel mondo del lavoro femminile post-COVID-19. Il primo è uno scenario di genere regressivo, o del "non fare nulla". Il secondo è uno scenario denominato dell' "agire ora", che migliorerebbe la parità. Il terzo è uno scenario "aspetta ad agire" che continua fino a quando l'impatto economico di COVID-19 non si placa.

 

  • Lo scenario del "non fare nulla" è il più negativo, implicherebbe che le donne subiscano una riduzione del tasso di partecipazione della forza lavoro femminile già nel 2020. Non saranno intraprese nuove azioni per migliorare la parità da qui al 2030. In questo scenario, il PIL globale nel 2030 sarebbe inferiore di 1.000 miliardi di dollari. Rispetto a questo scenario di base, 33 milioni di donne in meno troverebbero lavoro in questo scenario di genere regressivo nel 2030.

 

  • L'opzione migliore è quella di "agire subito", che rappresenta una sostanziale opportunità economica. I responsabili politici prenderebbero decisioni, nel 2020 e oltre, che migliorerebbero significativamente l'uguaglianza di genere nel prossimo decennio. Stimiamo che il valore globale del raggiungimento dei migliori miglioramenti della parità di genere nella regione entro il 2030 potrebbe portare a 13 trilioni di dollari di PIL incrementale in quell'anno, un aumento dell'11% rispetto allo scenario del "non fare nulla". Questo scenario porterebbe anche il tasso di partecipazione della forza lavoro femminile a quello maschile da 0,61 nel 2020 a 0,71 nel 2030, con la creazione di 230 milioni di nuovi posti di lavoro per le donne a livello globale, rispetto allo scenario del "non fare nulla" nel 2030.

 

  • Nello scenario di attesa di un'azione, in cui i responsabili politici e altri aspettano fino al 2024 per ottenere i migliori miglioramenti della forza lavoro femminile, il PIL globale ottiene ancora un rimbalzo nel 2030, ma è inferiore di 5,4 trilioni di dollari rispetto a quello che si otterrebbe se si agisse ora. Il tasso di partecipazione al lavoro femminile e maschile salirebbe a 0,67, da 0,61 nel 2020, segnando un certo progresso. Investire nelle donne e nelle ragazze nella ripresa rappresenta un'opportunità significativa per migliorare la parità di genere e guidare una crescita economica inclusiva.

Il messaggio forte che emerge dalla ricerca è che i politici e i leader aziendali più veloci agiscono per spingere per una maggiore uguaglianza di genere, anche se la crisi COVID-19 continua, i benefici non sono solo per l'uguaglianza di genere ma anche per la crescita economica. Al contrario, c'è il rischio reale di perdere ancora di più in termini di produzione economica - e la sicurezza economica che potrebbe significare per milioni di donne. Le donne rischiano di perdere sia in termini di parità che di benefici economici se non si fa nulla e il record stagnante degli ultimi cinque anni si stabilizza come la norma, oltre allo shock regressivo di genere che stiamo vedendo come risultato della crisi.

Associarsi
Entra in un network di oltre 200 aziende, accedi a esclusivi percorsi di formazione e scambia best practice con le altre imprese associate.
scopri di più
ENG