Lo svantaggio educativo inizia a 10 anni, rileva l’OCSE

Team Comunicazione
26-10-2018

La performance scolastica dei ragazzi sarebbe influenzata fortemente dal profilo socio-economico delle loro famiglie, secondo il nuovo rapporto OCSE 'Equity in Education: Braking down barriers to social mobility'. In particolare, il divario di rendimento scolastico tra bambini economicamente avvantaggiati e non si svilupperebbe già a partire dai 10 anni. Tanto che, in media, in tutti i paesi OCSE, più di due terzi dei differenziali di rendimento presenti in ragazzi di 15 e 25-29 anni era già riscontrabile quando il bambino ne aveva solo 10, di anni.

Insomma, gli studenti che possono permettersi di frequentare scuole costose hanno anche prestazioni migliori. E se si paragona la performance dei soli studenti provenienti da famiglie svantaggiate, chi frequenta scuole privilegiate ottiene in genere 78 punti in più rispetto a chi frequenta scuole meno prestigiose, il che equivale a più di due anni e mezzo di scolarizzazione.

Il profilo socio-economico di una scuola è strettamente correlato alla performance soprattutto in paesi come Belgio, Bulgaria, Francia, Ungheria, Repubblica Slovacca, Slovenia e Paesi Bassi, dove gli studenti svantaggiati che frequentano scuole privilegiate ottengono più di 130 punti in più rispetto agli altri. Questo non succede invece in Finlandia, Norvegia e Polonia, dove il rendimento è meno influenzato dal fattore economico e dall’estrazione sociale.

«Ancora non riusciamo ad abbattere le barriere alla mobilità sociale e offrire a tutti i bambini le stesse possibilità di successo», ha affermato Andreas Schleicher, Direttore dell'OCSE per l'istruzione e le competenze. «Sono necessari ulteriori investimenti per aiutare gli studenti svantaggiati a fare meglio e per riconoscere ruolo fondamentale che gli insegnanti devono svolgere».

Garantire un accesso tempestivo all'istruzione è fondamentale, afferma il rapporto, per far sì che i bambini possano acquisire competenze sociali ed emotive essenziali. Per questo i paesi dovrebbero indirizzare risorse aggiuntive a studenti e scuole svantaggiate. Gli insegnanti, poi, hanno bisogno di maggiore sostegno in modo che possano identificare i bisogni di tutti i ragazzi e gestire la diversità nelle aule, formare legami con i genitori e creare un ambiente di apprendimento positivo per tutti gli studenti.

Per saperne di più del rapporto OCSE > CLICCA QUI

Associarsi
Entra in un network di oltre 180 aziende, accedi a esclusivi percorsi di formazione e scambia best practice con le altre imprese associate.
scopri di più
ENG