High-tech fa rima con migliori retribuzioni

Team Comunicazione
07-01-2019

Le retribuzioni dei dipendenti hi-tech sono cresciute di quasi il 3% in un anno anche se rimangono quasi sempre lontane dalla media europea. E il divario di genere? Si sta riducendo, ma i vertici restano al maschile. Lo rivela un'indagine condotta da Mercer su 533 imprese italiane.
 
 

La curva dei salari

Prima buona notizia: nel 2018 il budget destinato gli stipendi è leggermente aumentato - più 2,5% rispetto al 2017 - soprattutto nel settore dell'high tech (+2,8%). Mentre ha avuto un incremento ridotto l'area dei servizi finanziari (+2,3%). Nell'ultimo anno in Italia un impiegato ha guadagnato in media 43 mila euro (lordi), un quadro 68 mila euro, un dirigente 108 mila euro e un direttore 196 mila.

Il confronto con il resto d'Europa mostra però quanto all'estero gli equilibri siano diversi. Se si fa una media dei trattamenti in Francia, Germania, Regno Unito e Spagna, si scopre che in questi Paesi un impiegato guadagna il 27% in più rispetto all'Italia, un quadro il 23% in più, ma risulterebbero penalizzati dirigenti  e direttori (-2% e - 7% rispetto agli italiani).

 

Gender gap

Nel campione preso in esame da Mercer, le donne in media guadagnano il 24% in meno degli uomini. Un dato da analizzare con  attenzione perché contiene due distorsioni: quella retributiva in senso stretto e quella legata alle limitazioni di carriera, contro cui ancora si devono battere le donne.

Separando i due fenomeni, però, a parità di responsabilità e di ruolo, le donne guadagnano il 10% meno degli uomini. Se si confrontano poi i dipendenti che hanno anche parità di anzianità aziendale oltre che lo stesso inquadramento, si scopre che il divario scende al 7%. Insomma, una conferma ulteriore che la situazione va migliorando, ma il contesto aziendale è ancora penalizzante per le donne.

 

Riteniamo che fare il punto sui compensi senza tenere conto del welfare sarebbe limitativo: anche Mercer con la sua indagine fa notare che le aziende in questi ultimi anni hanno cercato di offrire un ventaglio di benefit sempre più ampio di cui tuttavia non ha potuto tenere conto.

Associarsi
Entra in un network di oltre 180 aziende, accedi a esclusivi percorsi di formazione e scambia best practice con le altre imprese associate.
scopri di più
ENG