A Venezia si accendono i riflettori sul gender gap nel cinema

Administrator
03-09-2019

Per la prima volta alla Mostra del Cinema di Venezia si parla apertamente della disparità di genere nel settore del cinema. I dati di un seminario sulla gender equality parlano chiaro: di anno in anno qualcosa migliora, ma il divario permane.

 

I dati di Women in film, riassunti da Domizia De Rosa, su fonte database Filmitalia - Istituto Luce Cinecittà, sono questi: nel decennio 2008-2018 tra i film italiani realizzati appena il 15% sono di registe donne. Di questi, quelli selezionati ai festival sono il 16%. Nella prima ricerca di genere realizzata in 7 paesi europei dal 2006 al 2013, Ewa Study, i film diretti da donne erano l'11%, nel 2017-2018 siamo arrivati al 20%.

Il pay gap è un altro punto debole: a parità di budget produttivi, sono per le donne inferiori dell'11%. Chi richiede i fondi del ministero sono uomini per la grandissima parte: 128 rispetto a 20 tra registi affermati. Tra i più giovani però, tra i 20-40 anni, a richiedere fondi sono più donne che uomini.

Le statistiche di Eurimages spiegano che nel 2008 solo l'11% dei progetti finanziabili dall'Europa erano di donne e nel 2018 sono saliti al 28%. Tuttavia negli ultimi 4 anni progetti senza donne nel team creativo (produzione, regia, sceneggiatura) sono il 26%, senza alcun uomo appena il 3%.

 

La regista Lucrecia Martel, Presidente della Giuria di Venezia 76

 

C'è poi un test interessante di cui ha parlato Susan Newman - Baudais, Project Manager di Eurimages, e si fa sulle sceneggiature che arrivano per la richiesta di finanziamento europeo: quelli con protagonisti uomini, conversazioni di uomini al centro sono il 78%, con le donne il 46%. Il presidente della Biennale di Venezia Paolo Baratta ha sottolineato criticità sull'uguaglianza di genere non solo al cinema ma in vari settori, architettura, teatro, musica, arte è al 50%.

Le giurie di Venezia 76 sono sostanzialmente in parità di genere, ma la selezione dei film risente del gap: su 1833 appena il 22,6% è firmato da donne.

 

Associarsi
Entra in un network di oltre 200 aziende, accedi a esclusivi percorsi di formazione e scambia best practice con le altre imprese associate.
scopri di più
ENG