Per avere più CEO donne colmiamo il gap di fiducia nelle ragazze

Team Comunicazione
27-08-2020

Stai ferma. Segui le regole. Prendi buoni voti. Quando si guardano i comportamenti che premiano gli studenti in classe, non c'è da stupirsi che le ragazze superino i loro compagni nei risultati accademici. Gli studi dimostrano che le ragazze ottengono voti più alti dei ragazzi in tutti i livelli e in tutte le materie accademiche e hanno un tasso di conseguimento del 7% più alto. Il risultato? Le ragazze vanno bene a scuola, ma ci rimettono in sala riunioni.

 

Sviluppare la leadership femminile

Ironia della sorte, sono gli stessi comportamenti che favoriscono le ragazze a scuola - obbedienza, perfezionismo, accondiscendenza - a porre limiti alle donne sul posto di lavoro, racconta a Forbes Julie Carrier, CEO di Girls Lead Worldwide ed ex consulente per la leadership al Pentagono. Carrier ha passato anni a studiare lo scollamento tra il successo scolastico delle ragazze e la loro mancanza di posizioni di leadership sul posto di lavoro. Insegniamo alle ragazze delle scuole superiori le abilità del "mondo reale" necessarie per avere successo al di fuori della classe, tra cui la resistenza, la fiducia in se stesse e il lavoro di squadra. La dott.ssa Carol Kauffman, fondatrice dell'Institute of Coaching della Harvard Medical School afferma che il "modus operandi" delle scuole per decenni è stato quello di "far passare gli studenti attraverso i sistemi e farli avanzare, cosa che è molto più facile da fare se sono obbedienti".

"Le ragazze interiorizzano questo bisogno di obbedienza e di perfezionismo molto più dei ragazzi", continua. "Questi approcci superati stanno rendendo un cattivo servizio alle ragazze in un mondo che richiede loro grinta, resistenza, una forte leadership e autostima per avere successo", spiega Kaufmann. "Se vogliamo più CEO donne, queste sono le competenze che dobbiamo insegnare".

Concentrarsi sulle ragazze durante la fase dell'adolescenza è fondamentale, dice Carrier. Le ricerche dimostrano che questo è il momento in cui la fiducia delle ragazze crolla e emergono lacune nella leadership. Le ragazze iniziano a consolidare la convinzione che essere apprezzate sia più importante che essere ascoltate. Di conseguenza, molte donne e ragazze si arrendono o non si mettono mai in gioco, comportamenti che le mettono ulteriormente in svantaggio."Sostituendo queste narrazioni con racconti di empowerment, possiamo cambiare il modo in cui le ragazze vedono se stesse", suggerisce Carrier.

 

Per avere più CEO donne dobbiamo colmare il divario di fiducia

"Insegniamo alle ragazze che la fiducia in se stesse, come la propensione per la matematica, la scienza e la lettura, è un'abilità appresa che può crescere nel tempo", spiega Carrier. "Non è qualcosa con cui si è nati, che si ha o non si ha". Questo è un esercizio che cambia molte ragazze. Aiuta a cambiare la loro percezione fino a pensare "Come leader, posso accrescere la mia fiducia ogni volta che scelgo di uscire dalla mia zona di comfort".

Parte della costruzione della fiducia richiede ciò che Carrier chiama "praticare il coraggio". Questo non significa essere senza paura. Anzi, è il contrario. Significa abbracciare la paura."Molte ragazze e donne interpretano la paura come un segno che non sono qualificate o in grado di svolgere ruoli di leadership", dice Carrier. "La ricerca mostra che per questo anche le donne che sono pienamente capaci non rincorrono opportunità a causa della paura o della mancanza di fiducia in se stesse".

Per rielaborare questa convinzione, le ragazze devono avere accesso a diversi role model e impegnarsi attivamente in attività che le aiutino a collegare la paura e il fallimento come esperienze comuni e importanti sulla via dei riconoscimenti e dei risultati. Questo è importante perché "le ragazze hanno bisogno di vederlo per esserlo", spiega Carrier: Le ragazze devono avere l'opportunità di imparare come queste role model hanno superato la paura, le sfide che hanno dovuto superare, i fallimenti che hanno avuto, cosa hanno imparato e come ci sono riuscite. "Le ragazze devono avere l'opportunità di capire che molte delle migliori leader del mondo hanno affrontato ostacoli incredibili, paura e ansia, e ciò che le ha rese leader non è stato il fatto di essere impavide, ma di aver sentito la paura e di averlo fatto comunque", dice Carrier.

 

Promuovere nuovi stili di leadership

Un altro passo importante è passare da una leadership di "comando e controllo", che utilizza un approccio dall'alto verso il basso, ad un modello più aggiornato chiamato "leadership basata sul carattere", che è più egualitario. "Con questo modello, ogni ragazza ha la capacità di essere leader", dice Carrier. La leadership basata sul carattere si basa sulla premessa che la leadership non è un titolo o una posizione. Al contrario, deriva dal sapere chi sei al tuo centro, sviluppando le tue capacità e utilizzando le tue forze uniche per contribuire. Questa auto-identificazione come leader cambia il comportamento di una ragazza che va avanti. È fondamentale per colmare il divario di fiducia tra i generi e di leadership, conclude Carrier.

 

Valore D realizza in Italia - in partnership con ENI, Intesa Sanpaolo e Snam - il progetto InspirinGirls, che porta nelle scuole medie storie di donne raccontate dalle protagoniste per incoraggiare le ragazze a seguire le proprie aspirazioni professionali, libere da stereotipi di genere. Il progetto è arrivato in Italia nel 2017 e ad oggi le role model hanno incontrato 25.000 ragazzi in tutto il Paese.

Per saperne di più visita il sito di InspirinGirls

CLICCA QUI

 

Associarsi
Entra in un network di oltre 200 aziende, accedi a esclusivi percorsi di formazione e scambia best practice con le altre imprese associate.
scopri di più
ENG