perché associarsi

X

Far parte di Valore D vuol dire contribuire concretamente alla valorizzazione del talento femminile, promuovere un modello di lavoro moderno e sostenibile e partecipare a un progetto innovativo che unisce le più grandi imprese italiane.

X

LOGIN AREA RISERVATA

Se hai già un account, inserisci i tuoi dati per effettuare il login.

Per scoprire tutti i servizi di Valore D e le modalità di adesione visita la sezione Come Associarsi.

Per contattarci e ricevere maggiori dettagli utilizza il modulo che trovi nella pagina Richiedi Informazioni.

Ricordami

News

19.01.2018

Tag:

Eventi esterni

Leadership Femminile

Valore D

In queste settimane i partiti politici stanno definendo i propri programmi elettorali e abbiamo deciso di monitorare quali punti legati all’occupazione e alla crescita professionale femminile sono stati inseriti o sono in via di valutazione da parte delle principali forze politiche. 
Questo osservatorio nasce con l'obiettivo di consolidare il dialogo sempre più costruttivo e propositivo di Valore D con le Istituzioni, avviato già due anni fa e consolidato il 12 settembre con la firma del Manifesto per l’occupazione femminile da parte delle aziende associate.
Si tratta di un monitoraggio imparziale che ha la finalità di capire se  e in quale misura i temi della diversità e dell’inclusione di genere sono nell’agenda politica. 

L'osservatorio viene aggiornato ogni 48 ore. Per scaricarlo > CLICCA QUI

In queste settimane i partiti politici stanno definendo i propri programmi elettorali e abbiamo deciso di monitorare quali punti legati all’occupazione e alla crescita professionale femminile sono stati inseriti o sono in via di valutazione da parte delle principali forze politiche. 
Questo osservatorio nasce con l'obiettivo di consolidare il dialogo sempre più costruttivo e propositivo di Valore D con le Istituzioni, avviato già due anni fa e consolidato il 12 settembre con la firma del Manifesto per l’occupazione femminile da parte delle aziende associate.
Si tratta di un monitoraggio imparziale che ha la finalità di capire se  e in quale misura i temi della diversità e dell’inclusione di genere sono nell’agenda politica. 

L'osservatorio viene aggiornato ogni 48 ore. Per scaricarlo > CLICCA QUI

+

19.01.2018

Per scaricare la ricerca Talenti Senza Età > Clicca qui

I nuovi trend demografici – in particolare  l’aumento dell’occupazione femminile e l’invecchiamento della popolazione – insieme all’innalzamento dell’età pensionabile fanno sì che ci siano sempre più persone over 50 nel mercato del lavoro. Valore D con la ricerca “Talenti senza età. Le donne over50 e il lavoro”, in collaborazione con il Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia dell’Università Cattolica, ha analizzato in particolare chi sono, come stanno e quale potenziale hanno ancora da esprimere le donne oltre i cinquant’anni che lavorano ancora in azienda. 

Lo studio, svolto tra circa 5000 donne tra i 50 e i 69 anni su tutto il territorio nazionale in 18 aziende associate a Valore D, ha consentito di identificare tre tipologie di donne over50 presenti nel mondo del lavoro: le lavoratrici attive e soddisfatte (36,9%), le lavoratrici attive ma in difficoltà (36,1%) e le lavoratrici smarrite (27%). 

Solo un terzo tra queste donne - le attive e soddisfatte - hanno un alto livello di potenziale lavorativo, sono ben realizzate da un punto di vista personale e sono ancora molto attive nel dare il loro contributo lavorativo in azienda. Sono donne che lavorano in ambienti organizzativi caratterizzati da un clima positivo in cui non sono presenti discriminazioni o stereotipi negativi di genere ed età. Inoltre possono contare su una rete di relazioni ricca e caratterizzata da fiducia sia al lavoro che in ambito extralavorativo.

Ci sono poi le lavoratrici attive ma “in difficoltà” (36,1%) quelle donne che sono ancora attive sul lavoro ma hanno un basso livello di benessere psicologico. A confronto con le lavoratrici del primo profilo hanno reti relazionali extralavorative più povere e che quindi hanno realizzato in maniera meno forte la loro identità al di fuori del lavoro.

Infine ci sono le lavoratrici “smarrite” (27%) donne che hanno un potenziale che rimane purtroppo inespresso. Queste donne presentano il più basso livello di benessere psicologico oltre che il più basso livello di impegno nel lavoro e di orientamento al futuro lavorativo. Dall’analisi delle caratteristiche di questo profilo emerge che sono donne che hanno affrontato negli ultimi anni delle transizioni importanti (malattie proprie o di persone care, separazioni e divorzi, cambiamenti lavorativi) ma che non hanno potuto contare su un ricco network relazionale e su un clima organizzativo positivo. Anzi vivono spesso in contesti organizzativi caratterizzati dalla discriminazione di genere e di età.

L’obiettivo della ricerca è prima di tutto di fornire una prima fotografia del delicato momento di transizione che le donne in questa fascia di età si trovano ad affrontare nella propria vita personale, dei loro percorsi professionali non sempre lineari - a causa della conciliazione tra vita e lavoro - del capitale sociale e relazionale che hanno costruito e - ultimo ma non meno importante - della percezione dell’ambiente lavorativo in termini di scambi intergenerazionali e della discriminazione di genere e di età.

Ma la ricerca ambisce anche a fornire alle aziende indicazioni operative per anticipare e gestire l’invecchiamento della forza lavoro femminile. Dallo studio emerge che l’age management andrà declinato con attenzione differenziata rispetto al genere. Molte delle sfide che risultano cruciali per le donne in questa fase della vita (transizioni importanti, nuovi bisogni di conciliazione, capitale sociale familiare carente) risultano aspetti specifici del vissuto femminile in questa fase della vita.

«Per le aziende la diversità di competenze, generi, generazioni e culture è un fattore di innovazione e competitività - ha commentato Barbara Falcomer, Direttore Generale di Valore D - In un contesto in cui le aspettative di vita si allungano e di conseguenza la permanenza nel mondo del lavoro, è fondamentale per le aziende comprendere quali siano le sfide e le opportunità che i collaboratori over50 rappresentano e come valorizzare nel modo più efficace le loro esperienze, competenze e valori. È motivo di orgoglio per Valore D aver contribuito a realizzare la prima ricerca in Italia sulle donne over50 al lavoro, che permette di analizzare importanti snodi spesso critici e fornisce alle aziende spunti e strumenti per conoscere meglio, ingaggiare e continuare a valorizzare il contributo e il potenziale di tante lavoratrici che rappresentano una crescente quota della popolazione attiva e produttiva».

«Le ricerche sul piano internazionale non sono molte e nel nostro territorio nazionale quasi inesistenti. Così nasce Talenti senza età: un progetto che ha voluto mettere per la prima volta sotto i riflettori queste donne per comprenderne i vissuti - ha spiegato Claudia Manzi, professore associato di Psicologia Sociale Università Cattolica di Milano -. L’obiettivo finale è quello di individuare le condizione attraverso cui le organizzazioni siano ancora, e sempre più, ambienti abitabili per queste donne. Un ringraziamento sentito va a tutte le (tante) donne che con generosità si sono raccontate in questa ricerca e che ci hanno aiutato a comprendere meglio cosa vuol dire essere donne al lavoro dopo i 50 anni, cosa vuol dire essere talenti senza età». 

Per scaricare la ricerca Talenti Senza Età > Clicca qui

I nuovi trend demografici – in particolare  l’aumento dell’occupazione femminile e l’invecchiamento della popolazione – insieme all’innalzamento dell’età pensionabile fanno sì che ci siano sempre più persone over 50 nel mercato del lavoro. Valore D con la ricerca “Talenti senza età. Le donne over50 e il lavoro”, in collaborazione con il Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia dell’Università Cattolica, ha analizzato in particolare chi sono, come stanno e quale potenziale hanno ancora da esprimere le donne oltre i cinquant’anni che lavorano ancora in azienda. 

Lo studio, svolto tra circa 5000 donne tra i 50 e i 69 anni su tutto il territorio nazionale in 18 aziende associate a Valore D, ha consentito di identificare tre tipologie di donne over50 presenti nel mondo del lavoro: le lavoratrici attive e soddisfatte (36,9%), le lavoratrici attive ma in difficoltà (36,1%) e le lavoratrici smarrite (27%). 

Solo un terzo tra queste donne - le attive e soddisfatte - hanno un alto livello di potenziale lavorativo, sono ben realizzate da un punto di vista personale e sono ancora molto attive nel dare il loro contributo lavorativo in azienda. Sono donne che lavorano in ambienti organizzativi caratterizzati da un clima positivo in cui non sono presenti discriminazioni o stereotipi negativi di genere ed età. Inoltre possono contare su una rete di relazioni ricca e caratterizzata da fiducia sia al lavoro che in ambito extralavorativo.

Ci sono poi le lavoratrici attive ma “in difficoltà” (36,1%) quelle donne che sono ancora attive sul lavoro ma hanno un basso livello di benessere psicologico. A confronto con le lavoratrici del primo profilo hanno reti relazionali extralavorative più povere e che quindi hanno realizzato in maniera meno forte la loro identità al di fuori del lavoro.

Infine ci sono le lavoratrici “smarrite” (27%) donne che hanno un potenziale che rimane purtroppo inespresso. Queste donne presentano il più basso livello di benessere psicologico oltre che il più basso livello di impegno nel lavoro e di orientamento al futuro lavorativo. Dall’analisi delle caratteristiche di questo profilo emerge che sono donne che hanno affrontato negli ultimi anni delle transizioni importanti (malattie proprie o di persone care, separazioni e divorzi, cambiamenti lavorativi) ma che non hanno potuto contare su un ricco network relazionale e su un clima organizzativo positivo. Anzi vivono spesso in contesti organizzativi caratterizzati dalla discriminazione di genere e di età.

L’obiettivo della ricerca è prima di tutto di fornire una prima fotografia del delicato momento di transizione che le donne in questa fascia di età si trovano ad affrontare nella propria vita personale, dei loro percorsi professionali non sempre lineari - a causa della conciliazione tra vita e lavoro - del capitale sociale e relazionale che hanno costruito e - ultimo ma non meno importante - della percezione dell’ambiente lavorativo in termini di scambi intergenerazionali e della discriminazione di genere e di età.

Ma la ricerca ambisce anche a fornire alle aziende indicazioni operative per anticipare e gestire l’invecchiamento della forza lavoro femminile. Dallo studio emerge che l’age management andrà declinato con attenzione differenziata rispetto al genere. Molte delle sfide che risultano cruciali per le donne in questa fase della vita (transizioni importanti, nuovi bisogni di conciliazione, capitale sociale familiare carente) risultano aspetti specifici del vissuto femminile in questa fase della vita.

«Per le aziende la diversità di competenze, generi, generazioni e culture è un fattore di innovazione e competitività - ha commentato Barbara Falcomer, Direttore Generale di Valore D - In un contesto in cui le aspettative di vita si allungano e di conseguenza la permanenza nel mondo del lavoro, è fondamentale per le aziende comprendere quali siano le sfide e le opportunità che i collaboratori over50 rappresentano e come valorizzare nel modo più efficace le loro esperienze, competenze e valori. È motivo di orgoglio per Valore D aver contribuito a realizzare la prima ricerca in Italia sulle donne over50 al lavoro, che permette di analizzare importanti snodi spesso critici e fornisce alle aziende spunti e strumenti per conoscere meglio, ingaggiare e continuare a valorizzare il contributo e il potenziale di tante lavoratrici che rappresentano una crescente quota della popolazione attiva e produttiva».

«Le ricerche sul piano internazionale non sono molte e nel nostro territorio nazionale quasi inesistenti. Così nasce Talenti senza età: un progetto che ha voluto mettere per la prima volta sotto i riflettori queste donne per comprenderne i vissuti - ha spiegato Claudia Manzi, professore associato di Psicologia Sociale Università Cattolica di Milano -. L’obiettivo finale è quello di individuare le condizione attraverso cui le organizzazioni siano ancora, e sempre più, ambienti abitabili per queste donne. Un ringraziamento sentito va a tutte le (tante) donne che con generosità si sono raccontate in questa ricerca e che ci hanno aiutato a comprendere meglio cosa vuol dire essere donne al lavoro dopo i 50 anni, cosa vuol dire essere talenti senza età». 

+

17.01.2018

Tag:

Gender Diversity

Ancora oggi in Italia la questione della parità di genere e dell’emancipazione economica delle donne manca di una visione sistemica e del sostegno di una volontà politica profonda e condivisa. E' da questo spunto, e da dati concreti che  tre donne - Alessia Mosca, europarlamentare del PD e proponente della legge sulle quote di genere nei cda (“Golfo-Mosca") Paola Profeta, dell' Università Bocconi e Paola Subacchi, della Chatham House Londra - hanno redatto una serie di proposte concrete per l'inclusione delle donne, che è possibile sottoscrivere al seguente link: 

https://www.change.org/p/amministratori-a-qualunque-livello-maipi%C3%B9senza-un-piano-d-azione-per-l-inclusione-delle-donne?recruiter=33741970&utm_source=share_petition&utm_medium=twitter&utm_campaign=share_petition&utm_term=psf_combo_share_initial.undefined.nafta_petition_show_share_buttons.control.nafta_psf_sequential.control

Molte delle proposte di #MaiPiùSenza  sono in linea con il #ManifestoValoreD. Auspichiamo che le diverse proposte, sinergiche tra di loro, possano offrire spunti concreti e costruttivi per i programmi politici, che Valore D monitora regolarmente attraverso l' #OsservatorioElezioni. Vi terremo puntualmente aggiornati. 

Ancora oggi in Italia la questione della parità di genere e dell’emancipazione economica delle donne manca di una visione sistemica e del sostegno di una volontà politica profonda e condivisa. E' da questo spunto, e da dati concreti che  tre donne - Alessia Mosca, europarlamentare del PD e proponente della legge sulle quote di genere nei cda (“Golfo-Mosca") Paola Profeta, dell' Università Bocconi e Paola Subacchi, della Chatham House Londra - hanno redatto una serie di proposte concrete per l'inclusione delle donne, che è possibile sottoscrivere al seguente link: 

https://www.change.org/p/amministratori-a-qualunque-livello-maipi%C3%B9senza-un-piano-d-azione-per-l-inclusione-delle-donne?recruiter=33741970&utm_source=share_petition&utm_medium=twitter&utm_campaign=share_petition&utm_term=psf_combo_share_initial.undefined.nafta_petition_show_share_buttons.control.nafta_psf_sequential.control

Molte delle proposte di #MaiPiùSenza  sono in linea con il #ManifestoValoreD. Auspichiamo che le diverse proposte, sinergiche tra di loro, possano offrire spunti concreti e costruttivi per i programmi politici, che Valore D monitora regolarmente attraverso l' #OsservatorioElezioni. Vi terremo puntualmente aggiornati. 

+

12.12.2017

Tag:

Gender Diversity

Un ringraziamento speciale a tutte le nostre aziende associate che, lavorando in un contesto internazionale, si stanno impegnando per portare il #ManifestoValoreD anche nelle loro sedi estere. Ecco la versione in inglese: http://static.valored.it/_storage/documents/articoli-di-approfondimento/ENG_Interno_impaginato_Manifesto.pdf

Un ringraziamento speciale a tutte le nostre aziende associate che, lavorando in un contesto internazionale, si stanno impegnando per portare il #ManifestoValoreD anche nelle loro sedi estere. Ecco la versione in inglese: http://static.valored.it/_storage/documents/articoli-di-approfondimento/ENG_Interno_impaginato_Manifesto.pdf

+

13.09.2017

Tag:

Valore D

Il 12 settembre a a Roma è stato ufficialmente sottoscritto il Manifesto per l'Occupazione Femminile di Valore D, un documento programmatico in 9 punti che definisce strumenti concreti, in linea con gli standard internazionali del Bilancio Integrato (GRI), per valorizzare il talento femminile in azienda. Sottoscrivendo il Manifesto le aziende si impegnano per esempio, in fase di selezione, ad avere un gruppo di candidati rappresentativo di entrambi i generi (punto 1) e a monitorare la presenza femminile nei vari livelli aziendali (punto 3) contribuendo a colmare il divario retributivo e favorendo la crescita professionale delle collaboratrici anche in ruoli apicali (punto 8). Un’attenzione specifica è dedicata alla gestione della maternità (punto 4) e al supporto genitoriale (punti 5, 6 e 7).

Oltre 100 aziende associate a Valore D hanno già sottoscritto il Manifesto e 30 Amministratori Delegati e Presidenti di queste aziende hanno ribadito il loro impegno in un dialogo costruttivo con le Istituzioni che ha visto oggi presenti: Maria Elena Boschi, Sottosegretaria di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Teresa Bellanova, Vice Ministro allo Sviluppo Economico, il Presidente dell’INPS Tito Boeri e il Rettore dell’Università LUISS Guido Carli la professoressa Paola Severino.

Per vedere il video dell'eventoCLICCA QUI 

Per leggere il Comunicato Stampa e conoscere le aziende firmatarie e gli Amministratori Delegati presenti il 12 settembre > CLICCA QUI 

Per scaricare la versione intergrale del Manifesto per l'occupazione femminile di Valore D > CLICCA QUI 

Per leggere ciò che i maggiori quotidiani hanno scritto dell'evento > CLICCA QUI

Il 12 settembre a a Roma è stato ufficialmente sottoscritto il Manifesto per l'Occupazione Femminile di Valore D, un documento programmatico in 9 punti che definisce strumenti concreti, in linea con gli standard internazionali del Bilancio Integrato (GRI), per valorizzare il talento femminile in azienda. Sottoscrivendo il Manifesto le aziende si impegnano per esempio, in fase di selezione, ad avere un gruppo di candidati rappresentativo di entrambi i generi (punto 1) e a monitorare la presenza femminile nei vari livelli aziendali (punto 3) contribuendo a colmare il divario retributivo e favorendo la crescita professionale delle collaboratrici anche in ruoli apicali (punto 8). Un’attenzione specifica è dedicata alla gestione della maternità (punto 4) e al supporto genitoriale (punti 5, 6 e 7).

Oltre 100 aziende associate a Valore D hanno già sottoscritto il Manifesto e 30 Amministratori Delegati e Presidenti di queste aziende hanno ribadito il loro impegno in un dialogo costruttivo con le Istituzioni che ha visto oggi presenti: Maria Elena Boschi, Sottosegretaria di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Teresa Bellanova, Vice Ministro allo Sviluppo Economico, il Presidente dell’INPS Tito Boeri e il Rettore dell’Università LUISS Guido Carli la professoressa Paola Severino.

Per vedere il video dell'eventoCLICCA QUI 

Per leggere il Comunicato Stampa e conoscere le aziende firmatarie e gli Amministratori Delegati presenti il 12 settembre > CLICCA QUI 

Per scaricare la versione intergrale del Manifesto per l'occupazione femminile di Valore D > CLICCA QUI 

Per leggere ciò che i maggiori quotidiani hanno scritto dell'evento > CLICCA QUI

+

Designed by Digital Natives