perché associarsi

X

Far parte di Valore D vuol dire contribuire concretamente alla valorizzazione del talento femminile, promuovere un modello di lavoro moderno e sostenibile e partecipare a un progetto innovativo che unisce le più grandi imprese italiane.

X

LOGIN AREA RISERVATA

Se hai già un account, inserisci i tuoi dati per effettuare il login.

Per scoprire tutti i servizi di Valore D e le modalità di adesione visita la sezione Come Associarsi.

Per contattarci e ricevere maggiori dettagli utilizza il modulo che trovi nella pagina Richiedi Informazioni.

Ricordami

Sala Stampa

13.09.2017

Miss Ikea: “Servono le quote rose anche in azienda e in fabbrica”

Nicola Lillo - La Stampa

Tag:

Forum Valore D

Gender Diversity

Interviste

Leadership Femminile

Nel rapporto donne e lavoro abbiamo bisogno di un cambiamento culturale. Se l’Italia non favorisce l’occupazione femminile perde un’opportunità da un punto di vista economico e anche di benessere sociale. Noi di Ikea vogliamo essere un esempio positivo, siamo convinti che la diversità sia un valore». Belén Frau, 43 anni, spagnola di Bilbao, è l’amministratore delegato di Ikea Italia e ieri insieme ad altri trenta top manager, per lo più uomini, ha firmato nella sede dell’università Luiss il Manifesto per l’occupazione femminile, un documento programmatico in 9 punti che definisce strumenti concreti per valorizzare il talento femminile in azienda. La sottosegretaria Maria Elena Boschi ha ricordato che il Paese ha raggiunto il record storico per l’occupazione femminile, arrivata al 49,1 per cento, ma la percentuale è ancora sotto al 50. Secondo lei l’obiettivo per il 2020 di arrivare al 75 per cento di donne che lavorano è realistico? «C’è ancora tanto da fare purtroppo. Tutti però dobbiamo dare un contributo: le donne non devono avere paura di scegliere tra la carriera e la famiglia, gli uomini devono favorire il talento e uscire dai pregiudizi, le aziende devono fare in modo che tutto ciò avvenga, perché la diversità è un valore aggiunto e rende le imprese profittevoli». Il Manifesto prevede che le aziende si impegnino in un monitoraggio della presenza femminile in azienda, nel colmare il divario retributivo, in una maggiore attenzione alla gestione della maternità. Quale può essere un’altra iniziativa concreta da mettere in campo? «Penso che le quote possano essere uno strumento, nel frattempo, da utilizzare. Bisogna però essere convinti e credere che è possibile raggiungere certi traguardi. Il cambiamento deve partire da ognuno di noi». Ad oggi più di 100 aziende hanno aderito al Manifesto, ideato insieme al’associazione Valore D.

MEDIA TOOLKIT

Cartella stampa

Qui trovi le principali informazioni su Valore D: obiettivi, aziende associate e attività.

11.02.2014

Designed by Digital Natives