perché associarsi

X

Far parte di Valore D vuol dire contribuire concretamente alla valorizzazione del talento femminile, promuovere un modello di lavoro moderno e sostenibile e partecipare a un progetto innovativo che unisce le più grandi imprese italiane.

X

LOGIN AREA RISERVATA

Se hai già un account, inserisci i tuoi dati per effettuare il login.

Per scoprire tutti i servizi di Valore D e le modalità di adesione visita la sezione Come Associarsi.

Per contattarci e ricevere maggiori dettagli utilizza il modulo che trovi nella pagina Richiedi Informazioni.

Ricordami

Ricerche

FILTRA PER AUTORE

Più donne al top: utopia o traguardo raggiungibile?

01/02/2012

- McKinsey & Company

Tag :

Leadership Femminile

La domanda appare più che lecita. L’ultima ricerca realizzata da McKinsey & Company, che coinvolge 234 grandi aziende in Europa, dimostra che nonostante un’attenzione crescente al tema del talento femminile negli ultimi cinque anni la presenza di donne nelle posizioni “che contano” non ha fatto passi avanti. Nell’Europa Continentale (escludendo quindi i virtuosissimi paesi nordici), tra i primi riporti al CEO la rappresentanza femminile rimane inchiodata a un desolante 10%, che raddoppia a circa il 20% tra i secondi riporti e tocca il 25% tra le terze linee. L’Italia non si discosta da queste dinamiche. 

E’ evidente che il problema risiede in vari fattori. A cominciare dalla cultura del Paese di riferimento, che continua ad affidare alla donna tutti i carichi familiari. In Italia lavorano  poche donne (46% rispetto a una media europea superiore al 60%) e quelle che lo fanno dedicano al lavoro fuori casa poco più della metà delle ore lavorate da un uomo. Ci separa una distanza enorme non solo dalle donne nordiche (che lavorano solo il 15-20% in meno di un uomo), ma dalle francesi (25% in meno), spagnole (30% in meno) e tedesche (35% in meno). Le analisi effettuate dimostrano una chiara correlazione tra intensità di lavoro e presenza di donne nelle posizioni di vertice. Quindi, se nel nostro paese ci sono poche donne che lavorano e per di più dedicano poco tempo al lavoro fuori casa, la probabilità di fare carriera diminuisce. 

Il genere entra nell’economia

01/02/2012

- Banca d’Italia

Tag :

Gender Diversity

In un progetto di ricerca che verrà presentato il prossimo mese, la Banca d’Italia ha approfondito alcuni aspetti della questione della partecipazione femminile all’economia italiana.

A partire dalle evidenze, ormai note e ampiamente analizzate – dall’Istat innanzi tutto, ma non solo – dei divari nella partecipazione al mercato del lavoro, specie nelle fasce di età centrali, che coincidono per lo più con il momento della maternità e della difficoltà di conciliare vita lavorativa, cura dei figli, cura degli anziani, nel progetto se ne sottolineano altre, anch’esse per molti versi note, riferite ai percorsi di carriera.

Le evidenze sui divari salariali (a parità di caratteristiche del lavoratore e dell’impresa), le informazioni sulla composizione dei vertici bancari, quelle sui consigli di amministrazione delle società quotate, ma anche quelle relative all’accesso al credito segnalano difficoltà relative anche al lato della “domanda” di lavoro a tutti i livelli da parte delle imprese.

Il valore della flessibilità: una leva per una maggiore rappresentanza

18/10/2009

- Valore D, McKinsey & Company

Tag :

Flessibilità

La flessibilità è un valore per le imprese: la diffusione degli strumenti di flessibilità crea infatti le condizioni per lo sviluppo della diversity e per la crescita dei talenti femminili verso posizioni di leadership, contribuendo al miglioramento delle performance organizzative ed economiche delle aziende.

La ricerca, condotta da McKinsey & Company per l’associazione Valore D su 900 manager - uomini e donne - delle aziende associate, inquadra il tema della flessibilità in una nuova prospettiva. Sfata innanzitutto alcuni luoghi comuni: l’interesse per i programmi di flessibilità è molto elevato tra i manager e riguarda tanto gli uomini quanto le donne; nella maggior parte dei casi l’utilizzo non è motivato dalla necessità di occuparsi della famiglia e dei figli; più flessibilità non significa necessariamente più part-time; aderire a programmi di flessibilità non è un ostacolo alla carriera.

Donne ai vertici: un acceleratore della performance

18/05/2009

- Valore D, McKinsey & Company

Tag :

Leadership Femminile

L’Italia soffre di una profonda arretratezza sotto il profilo della rappresentanza femminile. Le aziende italiane hanno tutto l’interesse a migliorare la rappresentanza femminile al proprio interno: un elevato mix di genere, infatti, genera performance organizzative ed economiche migliori. 

Le sfide della leadership femminile

01/05/2009

- Valore D

Uno spaccato del mondo femminile all’interno delle aziende associate a Valore D. I bisogni delle donne manager e le azioni da attivare per valorizzare al meglio questi talenti.

Designed by Digital Natives