perché associarsi

X

Far parte di Valore D vuol dire contribuire concretamente alla valorizzazione del talento femminile, promuovere un modello di lavoro moderno e sostenibile e partecipare a un progetto innovativo che unisce le più grandi imprese italiane.

X

LOGIN AREA RISERVATA

Se hai già un account, inserisci i tuoi dati per effettuare il login.

Per scoprire tutti i servizi di Valore D e le modalità di adesione visita la sezione Come Associarsi.

Per contattarci e ricevere maggiori dettagli utilizza il modulo che trovi nella pagina Richiedi Informazioni.

Ricordami

Articoli di approfondimento

Donne manager, giovani in calo

07.03.2016

Tag:

Leadership Femminile

Perdono terreno, tra le donne titolari di cariche nelle imprese italiane, le under 30. Lo segnalano i dati Infocamere.

Sono Calabria, Basilicata, Puglia e Campania le regioni che “esportano” più donne manager nel resto d’Italia. Confrontando, infatti, il numero delle donne titolari di una carica (amministratore, socioo titolare d’impresa) nate in queste regioni e il numero di poltrone disponibili negli stessi territori, emerge che il gap è del 17% in Calabria, del 14% in Basilicata, del 12% in Puglia e del 9% in Campania. Sono invece Lombardia, Lazio, Toscana ed Emilia­Romagna le Regioni che “importano” cariche femminili, perché hanno più disponibilità di posti. In Lombardia sono quasi 90mila le donne titolari di una carica nate fuori dalla regione e nel Lazio l’incidenza delle manager provenienti da altri territori è del 25 per cento. È la fotografia che emerge dai dati forniti da Infocamere al Sole 24 Ore del Lunedì: le donne titolari di una carica (che cioè amministrano società pubbliche o private) sono quasi 2,8 milioni, mentre un milione è socio di capitale, cioè partecipa alla vita di società non sul piano operativo­gestionale ma sul piano finanziario. Resta ancora forte il divario con i colleghi: le cariche affidate agli uomini nelle società sono 7,7 milioni, quasi il triplo.

Designed by Digital Natives